Login



percorso

36 km (livello di difficoltà EE, 65% single track - 34,5% sentieri forestali - 0,5% asfalto) e quasi 2600 mt D+ da coprire in un massimo di 9 ore.

Chi vi ha partecipato nella scorsa edizione parla di un percorso carico di emozione ma estremamente duro con una quantità impressionante di sali-scendi una volta raggiunto il crinale.

Noi Malandrini invece vi parliamo di un percorso segnato dal tempo su un sentiero dalla doppia faccia: una parte iniziale che negli ultimi anni è diventato di secondo piano ma che merita sicuramente una rivalorizzazione e un secondo tratto che ormai è di diritto tra le creste più belle da correre.

Abbiamo impiegato molto tempo insieme alla Comunità Montana nella riqualificazione del sentiero n. 33 che da Pracchia sale al Rifugio Montanaro dato che ormai è prassi per i più "faciloni" evitare quell'immensa pettata salendo direttamente da Maresca ma il risultato è apprezzabile e restituisce un calore unico ad un sottobosco stupendo.

Lungo la salita si incontra ogni tipo di vegetazione tipica dell'appenino e si attraversano luoghi dai toponomi particolari e significativi: la Pedata del Diavolo, il Poggio del Ronco sono solo alcuni dei punti.

...per poi raggiungere il Poggio dei Malandrini dove tutto il mondo cambia forma

Il crinale infine è un susseguirsi di sentieri, pratoni e attraversamenti impegnativi dove prestare la massima attenzione. Ci sono momenti in cui è veramente difficile scegliere dove dirigere lo sguardo.

affrontare il percorso

I consigli dati lo scorso anno restano validi anche questa volta ovviamente. A mio avviso prima di avventurarsi in questa corsa si deve tenere a mente una frase coniata dal Malandrino Rundiamo62 che, soprattutto chi non conosce quei luoghi, potrebbe ritenere superflua:


NON SOTTOVALUTARE IL LATO OSCURO DELL'APPENNINO


Mentre per il Malandrino abbiamo visto quasi tutti amici provenienti dalle più svariate regioni d'Italia, per la Malandrinata il gran numero dei partecipanti erano toscani ed emiliani, quindi persone che ben sanno quanto sia tosto l'appennino.

Leggi tutto...

Archivio Newsletter